Posts Tagged ‘Giappone’

Il ministro degli Esteri del Giappone, Tarō Kōno, ha nominato ambasciatori culturali due pezzi grossi d’eccezione… Pikachu ed Hello Kitty. No, non è uno scherzo. I due personaggi di fantasia giapponesi, tra l’altro, avranno un compito molto importante: quello di promuovere la nomina della città di Osaka all’Expo 2025.

A dare l’annuncio è stato lo stesso Kōno su Twitter. In vista della gara di assegnazione dell’Expo, per la quale sono in corsa anche Francia, Russia e Azerbaigian – oltre al Giappone – la nomina ad ambasciatori culturali di due dei personaggi più amati dai giovani di tutto il mondo rientra nella strategia del governo per aggiudicarsi l’Esposizione Universale. D’altronde si sa, i piccoli amici animati sono abituati alle sfide…

Dal Giappone il peluche che si prende cura degli anziani

Posted: 28th Novembre 2017 by Giovanna in Press News
Tags: ,

Ci aiutano a fare la spesa, tengono ordinata la casa, e ci ricordano di prendere le medicine. I robot badanti sono ormai una certezza. L’ultimo arrivato è il giapponese Paro. Simile a una foca peluche è il binomio perfetto tra nanotecnologia e design disneyano. Incrocio tra Big Hero e un animale da compagnia che è diventato – dicono dal Giappone – sempre più popolare.

L’Organizzazione mondiale della Sanità stima che dal 2050 il 22% della popolazione avrà più di 60 anni. La robotica ha accettato la sfida di trovare nuovi modi per accudire gli anziani. In futuro, i robot umanoidi avranno un ruolo sociale molto importante e diventeranno parte integrante della famiglia.

Bannato da Twitter per un cinguettio che ha violato le regole del social network. La colpa dell’utente giapponese @nemuismywife è stata quella di aver twittato l’immagine della zanzara che aveva ucciso dopo che ne era stato infastidito mentre guardava la Tv. La notizia della violazione e della conseguente punizione ha fatto il giro del mondo e lo “zanzaricida” ha raccolto la solidarietà di tantissimi che hanno chiesto per lui lo “scongelamento” dell’account a Twitter Japan.

L’uomo bannato dal social network, con un altro account, @DaydreamMatcha, ha manifestato tutto il suo disappunto e ha chiesto ufficialmente spiegazione per la decisione presa sul tweet incriminato che aveva questo contenuto: “Dove mi stai mordendo tutto, mentre sto solo cercando di rilassarmi e di guardare la Tv? (Ma ora sei morto)” con la foto che provava la fine dell’insetto molesto. Lo sfogo in poco tempo ha ottenuto oltre 27mila like ed è stato ritwittato oltre 30mila volte.

I giapponesi lo chiamano Shinrin-yoku, in inglese Forest-bathing: alla lettera significa bagno nella foresta ed è una pratica di benessere che sfrutta il potere terapeutico della natura per migliorare il nostro stato di salute e liberarci di stress e depressione.

In pratica, una immersione totale nell’ambiente del bosco, per una bella passeggiata e una sosta di relax sotto le fronde degli alberi, ha effetti benefici non solo per combattere la stanchezza e l’ansia, ma ha il potere di stimolare il nostro sistema immunitario.

Dalla ricerca emerge che è grazie agli stranieri che il bilancio del turismo italiano resta positivo anche se ra il 2001 e il 2016 abbiamo perso 45 miliardi di euro a causa dei soggiorni più brevi:

  • Turisti stranieri in Italia cresciuti +1% nel 2016 (rispetto al 2015), fino a toccare il tetto di 56 milioni;
  • Tra il 2001 e il 2016 gli arrivi segnano +55% e le presenze +35%;
  • Stranieri soggiornano meno (da 4,1 giorni del 2001 a 3,6 giorni nel 2016);
  • Spendono meno (661 euro nel 2016 contro i 1.034 nel 2001, pari a -36%);

Il Museo della Figurina, a Modena in Palazzo Santa Margherita, dall’11 marzo al 16 luglio prossimo ospita la mostra ‘Parimpampùm. Le bambine magiche nelle figurine’. Un allestimento che approfondisce uno tra i più importanti temi narrativi che hanno caratterizzato il boom dell’invasione degli anime in Italia, attraverso l’esposizione di una serie di album e figurine risalenti a quegli anni.

Presenti in mostra anche alcuni gadget, messi a disposizione da Cosmic Group. I visitatori potranno ritrovare l’incantevole Creamy, Magica magica Emy, Sandy dai mille colori, Lulù l’angelo dei f iori, Ransie la strega, Magica Doremi, Sailor Moon e altre ancora, nella sezione specifica della fortunata mostra ’80-90. Televisione, musica e sport in figurina’ a cura di Francesca Fontana e Thelma Gramolelli.

Nella ricchissima bacheca di Usain Bolt ci sarà un oro in meno. Secondo quanto riferisce la Bbc, il Comitato Olimpico Internazionale ha ufficializzato la squalifica della staffetta 4×100 giamaicana ai Giochi di Pechino 2008 per il caso di doping di Nesta Carter. Membro della staffetta oro anche a Londra 2012, Carter è risultato positivo alla methylhexaneamina nell’ambito dei nuovi test effettuati dal Cio lo scorso anno.

Una brutta tegola per tutta la squadra giamaicana (Carter, Frater, Powell e Bolt), che a nove anni di distanza dal successo ai Giochi deve subire l’onta del doping e consegnare la medaglia d’oro conquistata in Cina al quartetto di Trinidad e Tobago (argento al Giappone, bronzo al Brasile). In particolare per effetto di questa decisione dei Cio, Usain Bolt, ultimo staffettista giamaicano a Pechino, sarà costretto a restituire una delle sue nove medaglie d’oro olimpiche vinte in carriera e a dire addio al triplo triplete.

Altro che Poppea e il suo bagno di bellezza nel latte d’asina. In Giappone c’è chi si mette a mollo direttamente nel vino, nel sake e persino in maxi ciotole di ramen, le tagliatelle in brodo tipiche della cucina orientale. L’odore non sarà il massimo, certo, ma pare essere un vero toccasana per la pelle.

Siamo ad Hakone, nella prefettura di Kanagawa, a meno di 100 chilometri da Tokyo. Questa cittadina fa parte del Parco nazionale del monte Fuji ed è considerata un vero paradiso per gli amanti della natura. Già celebre nei secoli per le sue sorgenti termali, Hakone è diventata ora la patria del – come si direbbe in alcune parti dell’Italia – «famolo stano». Il bagno, ovviamente.

Kissenger: App per baciarsi

Posted: 2nd Gennaio 2017 by Giovanna in Tecnologia
Tags: ,

Kissenger è il nome dell’App che serve per baciarsi a distanza tramite uno smartphone. L’applicazione sviluppata alcuni mesi fa a Londra non è ancora riuscita a decollare sul mercato europeo così come ci si aspettava mentre sta già spopolando in Giappone.

L’applicazione funziona appoggiando le labbra ad un cuscinetto di silicone disposto sul cellulare che vibra al contatto riproducendo, almeno secondo quanto dicono i ricercatori, la sensazione di un bacio.

1fingerselfiechallengeLa nuova selfie mania arriva direttamente dal Giappone, ma ce la farà ad arrivare anche da noi? In questi anni, soprattutto d’estate, sono state tante le tendenze che hanno preso grazie ai social e alle star. Dal “Thigh Gap”, la moda di fotografarsi lo spazio tra le gambe, al “Belfie”, l’autoscatto del proprio lato B, fino al “Bikini bridge”, la foto del “ponte” che il pezzo inferiore del costume femminile forma quando una ragazza ha le ossa dell’anca molto sporgenti.

La nuova tendenza giapponese si chiama “1 finger selfie challenge” e sta spopolando soprattutto tra le ragazzine. Il gioco consiste nel scattarsi una foto allo specchio, senza vestiti, cercando di coprirsi le parti intime con un solo dito, per poi postarla sui social con l’hastag #1fingerselfiechallenge. La sfida tra chi riesce a farsi il selfie migliore, e tra chi riesce ad ottenere il maggior numero di like è ormai aperta. L’unico scopo? Farsi guardare.

corpi-e-animeL’autobiografia – ironica – di una generazione potrebbe iniziare con un’infanzia dove, al posto di Salgari e di “Piccole donne”, appaiono Ransie la strega, Sailor Moon e Jeeg Robot. Chi è nato tra i tardi anni Settanta e gli Ottanta del Novecento – complice soprattutto Italia Uno – non può essersi sottratto al mondo degli “anime”, ai protagonisti maschili, femminili o metallici dei cartoni giapponesi. Per questo, un saggio documentato come quello di Valeria Arnaldi, “Corpi e Anime. Nudo ed erotismo nell’animazione giapponese” (Lit edizioni) può somigliare, per parecchi trentenni, a un album dei ricordi. Pruriginoso?

È questo il punto. Se il mondo animato che scorreva in parallelo – quello disneyano – sembrava desessualizzato, affollato com’era (com’è) di “topi in calzoncini”, di zii e zie ben poco sexy, dal Giappone arrivavano ragazze turbolente. O meglio – come dimostra Arnaldi – ingenue e disinibite allo stesso tempo. Disinibite perché ingenue? A ogni modo, se fanno la doccia esposte a occhi indiscreti, lo spirito non è quello da B-Movie con Edwige Fenech.

“Magliette che si strappano, micro-bikini che non coprono se non lo strettamente necessario, vapori di doccia sulla pelle calda, la naturalezza di corpi generosi – scrive Arnaldi – che vogliono ma non sanno chiedere e l’irruenza di forme mal gestite che si schiacciano con veemenza contro fisici maschili, pungolandone reazioni e imbarazzi. È una sensualità evidente, più o meno consapevole ma non per questo meno ammiccante, quella che emerge da manga e anime. Una sensualità “bambina”, spesso associata per età, fattezze e anche pubblico, a scenari e immagini adolescenti”.

La nuova frontiera del pomodoro è multicolor. Arrivederci al pomodoro declinato in tutte le sfumature di rosso perché sulle tavole arriva un pomodoro con striature verdi, gialle, rosse, arancione, viola. Il «wild wonder», questo il nome dato alla nuova produzione, è stato già introdotto nel Nord Europa sempre in cerca di novità e man mano sarà presente sul mercato mediterraneo, Sicilia compresa.

pomodoro-multicolor

L’innovativo prodotto è stato ideato da Gianfranco Cunsolo, presidente provinciale della Coldiretti: «E’ una scommessa ardua, si tratta di un prodotto bio, da vendere nei grandi ipermercati del nord Europa. Abbiamo voluto metterci la faccia per proporre una varietà assolutamente innovativa. Il multicolor sarà posto in vendita in vaschette da 200 grammi».

droneIl Giappone ha deciso di allargare i divieti in materia di droni per scongiurare possibili attacchi dal cielo e la polizia di Tokyo ha messo a punto la sua squadra per fermare i piccoli velivoli. E’ composta da altri droni “armati” di un retino in grado di agganciare l’apparecchio non autorizzato a volare e riportarlo a terra. “I terroristi potrebbero attaccarci con droni carichi di esplosivo – spiega un funzionario della polizia giapponese -. Dobbiamo proteggere la nostra nazione”.

Dal Giappone arriva la cola all’aglio

Posted: 17th Marzo 2015 by Giovanna in Press News
Tags: , ,

Un’azienda giapponese ha appena lanciato sul mercato la Taccola, una cola aromatizzata all’aglio. Un accostamento che può sembrare azzardato, ma non per gli abitanti di Takko, città in cui viene prodotto il drink: la zona è infatti considerata la capitale nipponica dell’aglio. E nei supermercati della città già da tempo sono disponibili birra o gelato all’aglio.

taccola

La ricetta del drink è molto semplice: normale cola con un pò di polvere d’aglio. E anche se promette di essere un toccasana per il cuore, il rischio, in caso di consumo abbondante, è che abbia un effetto deleterio sui rapporti sociali per via dell’odore non proprio delicato che l’aglio lascia in bocca.